Asiago De.Co., il marchio di qualità per i prodotti locali

Lobbia: "Frutto di un lavoro di squadra"

Marchio Asiago De.Co.

Nel corso dell’ultimo consiglio comunale di Asiago è stato approvato il marchio Asiago De.Co. per la tutela e la valorizzazione delle attività agroalimentari e artigianali tradizionali locali. “Si tratta di uno strumento molto importante, in questo momento legato alla pandemia e alla crisi economica – ha illustrato l’assessore al turismo, attività e commercio, Nicola Lobbiada mettere a disposizione di tutti i nostri produttori, delle attività produttive del mondo agricolo e artigianale, in quanto potranno fregiarsi del marchio De.Co. Asiago. Un marchio che contiene il nome Asiago, che sappiamo quanto importante sia come denominazione.

La creazione del marchio De.Co. si colloca sulla scia dell’azione avviata dall’amministrazione comunale per regolamentare l’utilizzo del nome Asiago e far sì che venga disciplinato in maniera coerente con le finalità indicate dalla Commissione creata ad hoc. La Commissione, come illustrato dall’assessore Lobbia, avrà anche il compito di stilare un rigoroso disciplinare basato su plurimi aspetti delle attività di produzione agricola e artigianale. All’interno dell’albo comunale verranno poi elencati i prodotti che avranno ricevuto l’approvazione della Commissione incaricata.

È uno strumento di marketing territoriale che deve essere utilizzato anche dall’amministrazione comunale per fare promozione turistica e per fare passare il concetto che attraverso l’eccellenza e l’unicità dei nostri prodotti andiamo a vendere il territorio“, ha spiegato Lobbia sottolineando l’importanza di approvare il regolamento legato al marchio Asiago De.Co. per consentire sia all’amministrazione comunale di condurre operazioni di marketing territoriale che agli operatori dell’agricoltura e dell’artigianato di fregiarsi di un importante marchio.

Un ruolo fondamentale nel percorso è stato riservato anche al gruppo di minoranza, del quale uno dei membri farà parte della Commissione incaricata di creare i protocolli per l’utilizzo del marchio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA