Asiago è la seconda meta preferita dai turisti nel 2021

Lobbia: "Abbiamo saputo farci trovare pronti anche in questo particolare momento storico"

Veduta Altopiano innevato
Foto di Roberto Costa Ebech

Asiago è tra le prime località alle quali rivolgono l’attenzione i turisti per trascorrere le vacanze.
A dirlo è il blog casa.it che alla fine del 2021 ha stilato la classifica delle dieci località dell’arco alpino più cercate durante l’anno per quanto riguarda le case in vendita e in affitto.
Sul podio, tra Ponte di Legno e Falcade, si piazza in un ottimo secondo posto Asiago, inteso come territorio dell’Altopiano naturalmente e quindi assieme agli altri sei comuni, guadagnando due posizioni rispetto al 2020.
Asiago dunque davanti a località come Courmayeur, Bardonecchia, Pinzolo e la rivale Cortina, solo al nono posto.

Complici la pandemia e di conseguenza il bisogno di una sensazione di maggiore sicurezza, nelle ricerche di case in vendita Asiago è al secondo posto, con un boom di acquisti immobiliari anche da parte di turisti provenienti da fuori regione che si registra a dire il vero già dalla metà del 2020, concedendo un po’ di respiro dopo il fenomeno delle seconde case chiuse da molto, troppo tempo che veniva lamentato negli ultimi anni. Avere una casa propria, un luogo sicuro dove rifugiarsi anche nella remota eventualità di un nuovo lockdown, lasciando fuori dalla porta il virus e potendosi permettere in ogni caso una passeggiata nel bosco, sono alcuni dei motivi principali della scelta compiuta da un numero sempre maggiore di villeggianti.

Considerando la ricerca di case in affitto, invece, Asiago si piazza al quinto posto, mantenendo un trend stabile rispetto agli scorsi anni. L’Altopiano si conferma dunque una meta comoda, facilmente raggiungibile, fornita dei servizi necessari e adatta ad utenti di tutte le età, dai giovani agli anziani, dalle coppie alle famiglie con bambini.

“È un dato di ricerca sul portale case.it e quindi riporta una statistica del loro motore di ricerca. Presumo non sia un dato assoluto, però è un dato che va preso in considerazione – commenta Nicola Lobbia, assessore al turismo di Asiago – Molte sono le cause che hanno condizionato questo andamento. La prima in assoluto è il momento storico dettato dalla pandemia che ha portato a una nuova necessità, quella di ricercare una casa rifugio a contatto con la natura, possibilmente non isolato, accessibile e dotato di tutti i servizi. Asiago e più in generale l’Altopiano rispondono perfettamente a queste nuove esigenze.
Il servizio ospedaliero, i servizi alla persona, lo svago, le politiche di salvaguardia del territorio, la promozione e la valorizzazione del territorio con i progetti strategici di sviluppo hanno sicuramente gettato le basi per farci trovare pronti e rispondere al meglio alle esigenze di questo preciso momento storico.”