Il Treno della Memoria del Milite Ignoto si è fermato a Bassano

Ieri mattina annunciato dall’inconfondibile fischio, è arrivato alla stazione ferroviaria di Bassano del Grappa Il Treno della Memoria del Milite Ignoto.

Allestito dal Ministero della Difesa e dalla Fondazione FS, il treno è una riedizione dello storico convoglio speciale che nel 1921 trasportò da Aquileia a Roma la salma del “Milite Ignoto” scelta da Maria Bergamas tra quelle di 11 giovani Caduti della Grande Guerra non identificati.

Il viaggio di quest’anno, su un nuovo itinerario, ha avuto lo scopo di coinvolgere anche le città che non erano state toccate dal percorso compiuto nel 2021.
Ad attendere Il Treno della Memoria del Milite Ignoto diverse autorità tra cui il Sindaco di Bassano del Grappa Elena Pavan e l’assessore regionale alla Cultura Cristiano Corazzari.
Presente alla stazione anche Gruppo Storico Monte Grappa – Btg. Bassano che ha voluto omaggiare la tappa con la deposizione di una corona d’alloro.

Durate la sosta il numeroso pubblico presente ha potuto visitare la mostra tradizionale e multimediale allestita all’interno delle carrozze.


Il Milite ignoto e l’Altopiano

Una delle undici povere salme fu raccolta nella zona della battaglia dell’Ortigara.

Dopo il passaggio e la veglia a Gallio, fu trasportata ad Asiago con grande partecipazione della popolazione e vegliata nel Duomo nella notte tra il 5 e il 6 ottobre 1921, prima di proseguire per Bassano del Grappa ed Aquileia dove nella Basilica della città Maria Bergamas scelse la salma di quello che sarebbe poi diventato il Milite ignoto attualmente sepolto all’Altare della Patria.

Il sottotenente Antonio Bergamas figlio della donna che scelse la bara trasportata a Roma morì proprio sull’Altopiano monte Cimone di Marcesina

I Video della Staffetta Cremisi

La Staffetta ad Asiago e Gallio

 

Centenario del Milite Ignoto, si prepara la Staffetta

Gallio conferisce la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto


Credit foto: Gruppo Storico Monte Grappa e Comune di Bassano del Grappa

© RIPRODUZIONE RISERVATA