Addio a Pumba, il maialino più famoso d’Italia

“Con il cuore in mano e un vuoto enorme dobbiamo dirvi che Pumbi ha avuto una brutta reazione stamattina. Nonostante le corse e la respirazione bocca a bocca non ce l’ha fatta. Pumba è volato in cielo. E noi siamo letteralmente distrutti.” Con queste parole Charley Rama e Anna Baldato hanno dato la triste notizia della morte di Pumba, il maialino vietnamita che negli ultimi anni era diventato una vera star del web, influencer con oltre 268 mila followers.

Charley e Anna avevano adottato l’animale, colpito da una malattia genetica e rifiutato dai suoi simili, raccontandone ogni giorno le abitudini, i gusti, l’incredibile intelligenza. Pumba condivideva le giornate con gli altri animali della fattoria didattica dell’agriturismo Angolo di Paradiso, gestito da Charley e dal padre Graziano, e i quattro zampe di casa, lupa Laika e la gatta Alaska. Appuntamento quotidiano sui social non solo per tantissimi bambini, ma anche per il vasto pubblico che si era appassionato alla sua storia commovente, Pumbino (come affettuosamente veniva chiamato) amava e ricercava continuamente le coccole del suo migliore amico umano. L’inizio di vita a rischio per Pumba si era fatalmente incrociato con un momento molto difficile per Charley, a causa della morte della madre, legando le loro esistenze in maniera indissolubile.

All’inizio di gennaio, la coppia di fidanzati aveva parlato sui social di una brutta caduta che aveva provocato al maialino la lussazione di una zampa con rottura del legamento. Dopo essersi rivolti alla clinica veterinaria di fiducia, era stata programmata una delicata operazione chirurgica che Pumba aveva comunque superato con ottimi risultati lasciando buone speranze di ripresa. Ieri mattina però purtroppo le sue condizioni si sono aggravate e per Pumba non c’è stato più niente da fare. In poche ore sono piovuti a decine di migliaia i messaggi dedicati sui social alla star più tenera del web volata in cielo.

Pumba