Asiago inaugura ufficialmente il nuovo parcheggio interrato

Un'odissea lunga dieci anni che si è conclusa grazie alla tenacia dell'amministrazione

Inaugurazione parcheggio interrato Asiago
È durato dieci anni l’iter per la realizzazione di quest’opera che va ad alleggerire il traffico di passaggio nel centro di Asiago. Imprevisti e lungaggini burocratiche non hanno impedito agli amministratori comunali di perseguire questo obiettivo con caparbietà e già nel 2021 si iniziava ad avere una visione precisa di cosa sarebbe sorto in via Trento e Trieste (qui il tour esclusivo col quale vi avevamo fatto vedere lo stato del cantiere dall’interno).
.
Aperto all’utenza già dalla fine del mese di luglio, il nuovo parcheggio interrato è stato ufficialmente inaugurato ieri, alla presenza di varie autorità, tra le quali anche il presidente della Provincia di Vicenza, Andrea Nardin.
Il sindaco di Asiago, .
Il Sindaco di Asiago, Roberto Rigoni Stern, ha ripercorso nel suo discorso tutte le fasi che hanno portato all’opera finita. Un iter lungo e difficoltoso che ha messo a dura prova amministrazione e uffici tecnici, trascinandoli in un vortice fatto di sequestri, indagini, verifiche, pandemia e conseguente lockdown. Rigoni Stern ha voluto ringraziare tutti i tecnici che si sono dedicati alla realizzazione di questo importante servizio per gli automobilisti, l’assessore Franco Sella per la sua costante presenza sul cantiere, i consiglieri di maggioranza e minoranza dell’attuale e precedente amministrazione, e infine l’azienda che ha voluto investire ad Asiago attraverso il project financing.
“Quest’opera consentirà una maggiore consentirà una maggiore fluidità del traffico veicolare tutto l’asse di entrata e uscita, con il conseguente miglioramento della viabilità su via Garibaldi, soprattutto nei periodi di grande affluenza turistica – ha spiegato il Sindaco di Asiago – Decongestionerà le arterie di attraversamento interno, permettendo di aumentare i periodi di pedonalizzazione del centro, spostando i veicoli fuori dal centro abitato. Limiterà l’impatto inquinante sull’ambiente urbano, aumentando il livello di sicurezza delle persone nella circolazione, anche grazie alla nuova rotatoria, e permetterà conseguentemente una riduzione del livello di inquinamento acustico e ambientale. Il tutto è finalizzato al perseguimento di obiettivi tangibili di miglioramento della qualità della vita i nostri cittadini e dei turisti che amano Asiago, in quanto valore essenziale e primario per una città che vive tutto l’anno e che vive essenzialmente di turismo.”
“Nei prossimi mesi miglioreremo l’aspetto esterno dell’uscita sui giardini di queste aree circostanti e collegheremo nuove colonne per la fruizione di energia elettrica, così da rendere soddisfazione anche a coloro, pochi per la verità, che non si capacitano che Asiago ce l’abbia fatta e potrà farcela ancora solo se continuerà a pensare in grande. La prossima sfida – ha proseguito Rigoni Stern dando poi un’anticipazione di un progetto che finora era stato solo un sogno nel cassetto dell’amministrazione – sarà infatti quella di continuare a ricercare nuove soluzioni per perseguire la riduzione del traffico veicolare in ingresso ad Asiago e, come detto, presto libereremo il parcheggio di via Verdi dai camper portando a 600 gli stalli in questo versante di accesso al paese. Serve fare di più, serve ragionare in grande, serve studiare come poter realizzare anche un nuovo parcheggio multipiano da almeno altri 300 posti auto sotto il parcheggio Martiri della Libertà in via Matteotti. Su questo versante stiamo da tempo ragionando con l’ingegner Bernardis, che ha addirittura già stilato uno studio di fattibilità in tal senso. Certo, servono coraggio e forza di volontà, determinazione e spirito di sacrificio, amministratori incapaci di assumersi gravose responsabilità anche sul piano personale per il perseguimento del bene comune; servono quelle doti che hanno animato le moltissime persone che qui oggi vogliamo ringraziare con autentico sentimento di riconoscenza. Per questo vi chiedo di vivere questo momentonon come un traguardo, ma come l’avvio di una nuova avventura che possa farci pensare a ciò che sia sempre di più per la nostra amata Asiago.”
Il Presidente della Provincia di Vicenza, che ricopre anche il ruolo di Sindaco del comune di Montegalda, è intervenuto sul tema delle lungaggini, sottolineando la necessità di avere amministratori tenaci per raggiungere obiettivi importanti per la comunità: “Quella che ha raccontato il Sindaco non è un’esperienza isolata ma io, come collega e come presidente che frequenta tanti altri nostri colleghi, devo esprimere veramente un rammarico profondo sul fatto che queste odissee si ripetono troppo spesso nei nostri comuni. La nostra volontà di amministratori è veramente messa a dura prova. Noi, da quando abbiamo l’idea e i fondi per iniziare un’opera a quando la vediamo completata, vediamo passare troppo tempo; tempo che è spesso non nella sostanza delle cose, perché un parcheggio si voleva fare, un parcheggio è stato fatto e i soldi qualcuno ce li ha messi, ma in situazioni di rinvii, molto spesso legati a burocrazia. Però la perseveranza dei nostri sindaci, come succede qui ad Asiago e in altri comuni vicentino, porta al raggiungimento del risultato. Dobbiamo però riuscire a fare in modo che questo risultato si riesca raggiungere in tempi minori.

Il video integrale della cerimonia di inaugurazione