Asiago Hockey, vittoria all’overtime per i Lupi di Brunico

Val Pusteria- Asiago Marco de Filippo
Foto di Serena Fantini

Si interrompe proprio con la Migross Supermercati Asiago la serie di incontri sfortunati dell’HC Pustertal, che stasera sul ghiaccio di casa vince per un soffio all’overtime col risultato di 4-3. Una partita ricca di emozioni che ha visto entrambe le formazioni decise a battagliare per portarsi a casa il bottino dei 3 punti, necessario al Brunico per riacquisire credibilità e all’Asiago per avvicinarsi all’ormai insperata zona di qualificazione per i pre-playoff.

Nulla da recriminare agli Stellati, che hanno messo sul ghiaccio tutta la grinta necessaria, regalando in più di un’occasione l’illusione di poter chiudere il match in maniera favorevole. Cinismo e determinazione non sono bastati però a far fronte alla stanchezza di sessanta minuti giocati ad altissima intensità e l’errore finale di Gennaro, protagonista di un’ottima prestazione, ne è la riprova. Comunque, un punto torna ad Asiago ed è meglio che rientrare ancora a mani vuote.

Davvero un’ottima prestazione pure per Marco De Filippo, preferito a Fazio anche nell’incontro con il Vorarlberg, che para perfino l’impossibile. Minutaggi da paura per Gazzola, Vallati e Gennaro, quasi onnipresenti.

Da segnalare la nutrita rappresentanza di tifosi della Curva Sud Asiago che si è fatta sentire con grinta per sostenere la formazione Giallorossa.

Curva Sud Asiago - trasferta Brunico
Foto di Serena Fantini

Il resoconto del match

Il primo tempo del match si apre con Morley che si avvicina pericolosamente di rovescio alla porta Giallorossa. Azione che pochi secondi più tardi si sposta dal lato opposto della pista, con Gazzola che spara su Smith e poi ancora Gennaro su rebound. Al 2′ Smith calamita ancora il puck su una conclusione ravvicinata di McShane. Sul ghiaccio di Brunico c’è un Asiago rapido, cinico, che gioca su ripartenze e transizioni. Una deviazione fortuita del pattino del capo arbitro Thomas Berneker trattiene il disco al minuto 12:43 e McShane è rapido ad approfittare dell’occasione, andando a insaccare il disco dello 0-1 passando tra i gambali di Smith. Il Val Pusteria reagisce con fermezza alla situazione di svantaggio portandosi pesantemente nel terzo offensivo ed è Andergassen a far suonare il palo della porta Giallorossa. Al 16′ Frycklund tenta una conclusione ravvicinata a due passi da De Filippo. A due minuti dalla sirena una buona occasione creata da Rapuzzi che serve al centro Gennaro, che però arriva in ritardo all’appuntamento con il puck.

Nella seconda frazione Stanton cerca il supporto di un compagno davanti alla porta avversaria ed è Pippo Marchetti a salvare la situazione. Catenacci al 3′ regala un power play all’Asiago, che però resta ipnotizzato da Andergassen, libero di segnare la rete del pareggio. Solo un minuto più tardi Porco tira una fiondata diagonale che gela Smith e finisce tra i pali, ma il goalie pusterese è furbo a spostare la gabbia col pattino appena prima che il disco oltrepassi la soglia e il goal non viene convalidato. De Filippo devia la conclusione di Hasler e poi viene chiamato in causa parando in due tempi un agguerrito Frycklund. Tocca poi a Messner, ma stavolta è McShane con un tuffo a blindare la porta dell’Asiago allontanando il disco dallo spazio libero rimasto alle spalle del goalie Stellato. All’11’ arriva il duetto di Akelson per Morley, che segna il goal del 2-1. Al 14′ Ierullo avanza portandosi al centro e, forse in un eccesso di altruismo, serve Gennaro, che però ha la visuale ostruita e non riesce a concludere. De Filippo si fa trovare ancora pronto sulla conclusione ravvicinata di Andergassen. Al 18′ l’arbitro fischia la penalità per De Luca che mette giù di cattiveria Gios intento a controllare un disco. Prova a capitalizzare il power play Gennaro con uno one timer servito da Gazzola, ma non va a buon fine.

Il terzo periodo si apre con l’Asiago in superiorità numerica ancora per qualche secondo. Al 6′ Stanton si scontra con un compagno di squadra e lascia libero il disco. Finoro non si accorge della situazione, ma Gazzola quasi incredulo approfitta e rimette a posto le cose segnando il goal del 2-2. Subito dopo Ierullo serve Gennaro nello slot, ci mette una pezza Smith. Al 10′ Stanton perde il disco, Gennaro se ne impossessa, risale in contropiede e nell’uno contro uno con Smith non sbaglia. Dopo aver segnato la rete del 2-3 però finisce la sua corsa contro la balaustra, uscendone acciaccato, e sembra che la sua partita sia finita. Il check dello staff arbitrale convalida il goal. Al 15′ Pippo Marchetti sconta due minuti per ostruzione e i Giallorossi sono costretti a difendersi contro una delle squadre più abili di questa stagione nel capitalizzare i power play. De Filippo compie due miracoli fotocopia in spaccata sulle conclusioni di Morley e Messner, ma non basta. A pochi secondi dalla fine del power play ecco il fenomeno Frycklund che caccia un one timer sotto l’incrocio dei pali e riporta il risultato in parità. Subito dopo essere rientrato in pista, Stefano Marchetti viene messo giù di cattiveria con una gomitata segnalata al capo arbitro, che però non vede l’infrazione e il gioco prosegue. Si va all’overtime.

Nello scontro tre contro tre è l’Asiago a dettare le condizioni, con Misley che emerge grazie a un wrap around che però non sorprende Smith. Il puck sembra stregato, aggrappato alle stecche Giallorosse, e la situazione promette bene. Gennaro rientra nel terzo Stellato per recuperare il disco e ripartire alla volta della porta Giallonera, ma sbaglia, lo perde per un secondo e Morley come uno sciacallo sulla preda ne approfitta per sigillare il match. Termina 4-3 per i padroni di casa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA