Gli Asiago Vipers vincono il big match con il Milano e volano in testa alla classifica!

Vittoria pesante per gli Asiago Vipers che nel big match dell’ultimo turno del girone di andata del Master Round battono la capolista Milano per 5 – 3 e volano in testa alla classifica!

Tre punti, in rimonta, contro il Milano, alla prima sconfitta stagionale. Tre punti che valgono, per ora, il primo posto nel Master Round. Tre punti che sono energia pura in vista del prossimo weekend dedicato alla Coppa Italia.

Partita che per tre quarti è stata esemplare da parte di tutta la squadra. – ha dichiarato a fine partita Luca Stevan – Nei primi 10′ abbiamo faticato e sofferto il pressing avversario e non riuscivamo ad entrare in partita, anche perché loro cercavano sistematicamente di addormentare il ritmo. E per di più non si è messa affatto bene visto che siamo andati sotto di 2 reti. La squadra ha però saputo reagire e siamo arrivati all’intervallo sul 2-2, sbagliando anche un paio di gol “fatti” del possibile 3-2. Il secondo tempo ci ha visto partire molto convinti e la rete di Dal Sasso è stata la scintilla per un seguito di partita tambureggiante, abbiamo creato occasioni su occasioni e finalmente ne abbiamo anche sfruttata qualcuna. Ovviamente sul +3 abbiamo sofferto la reazione di Milano ma abbiamo stretto i denti. Peccato per la rete presa a poco dalla fine ma era tardi per Milano e “finalmente” il risultato è stato dalla nostra”

Il resoconto dei Vipers

Ritmo, intensità ed occasioni per entrambi fin dai primi cambi di una partita divertente ed equilibrata. Stevan, grande protagonista, disinnesca le conclusioni di Banchero e Alessio Lettera (due volte), dall’altra parte Mai è graziato dal tocco a porta praticamente spalancata di Alessandro Rossetto, liberato da Baù. Al 7’ Lievore prima impegna il portiere ospite, poi gestisce male un disco, facendosi anche superare da Banchero, letale in “back”. Immediata la reazione: il tiro di Alessandro Rossetto s’infrange sul casco di Mai, Vellar si avventa sul disco e insacca, ma gli arbitri annullano. Direttori di gara ancora nel “vivo dell’azione” poco dopo quando Marri “blocca” la possibile ripartenza di Lorenzo Campulla; Strada ne approfitta per servire Bernad che spolvera il “sette”. Immediata la reazione e stavolta il gol è buono: Francesco Campulla fa tutto benissimo, s’inserisce centralmente e di rovescio realizza l’1-2 lasciando di stucco tutta la difesa meneghina, Mai incluso.
Crescono i Vipers e la terza linea costruisce un’azione pazzesca, ma Lievore, da due passi, non trova la porta. Dal possibile 2-2 al possibile 1-3 con la deviazione di pattino di Nicola Lettera che beffa Stevan. Gli arbitri prima convalidano, ma, dopo un consulto, annullano il gol.
.
Al 13’ primo power-play della serata in favore dei Vipers: subito palo di Tessari, quindi Francesco Campulla allarga per il tiro al volo di Matteo Rossetto che brucia Mai. Insistono i ragazzi di coach Rigoni, vicini al sorpasso con l’altro Rossetto, fermato da un grande Mai. Nel finale il pk arancionero fa un ottimo lavoro, concedendo pochissimo agli avversari che un po’ si disuniscono.
.
Scoppiettante l’avvio di secondo tempo: Strada coglie l’esterno del palo; si cambia fronte e Dal Sasso sorprende Mai (forse l’unica sbavatura della sua serata). Si riparte e Berthod non concretizza l’occasione per l’allungo; mentre Milano si rende pericoloso con Bernad e Strada.
Ancora emozioni e brividi. I Vipers prima sprecano 2’ di superiorità e poi rischiano quando, al rientro dalla panca puniti, Alessio Lettera s’invola verso Stevan, strepitoso nell’1vs0. Non da meno il collega Mai che 1’ dopo dice no a Lorenzo Campulla.
.
L’allungo-Vipers arriva appena ristabilita la parità numerica grazie a Tessari che da destra spedisce in rete l’assist di Dal Sasso. Mai tiene in partita i compagni con una paratissima su Alessandro Rossetto e un altro intervento su Tessari, innescato da uno splendido “no-look” di Berthod. Certe occasioni andrebbero sfruttate, anche perché poco dopo serve un super Stevan per fermare il tocco sottomisura di Nicola Lettera, servito dal fratello. A 2’41” dal termine Bernad finisce in panca puniti. E’ quasi fatta. Milano, riconquistato il disco, toglie il portiere: un paio di errori, poi Dal Sasso indirizza il disco nella porta sguarnita. E’ fatta. Beh, quasi. Subentra un po’ di “braccino”: qualche rischio evitabile e un disco perso (per andare ancora ad attaccare!) spalanca la strada al tocco vincente di Erman.
Il cronometro torna a correre e non si ferma più. Sorpasso.

Le statistiche del match

ASIAGO VIPERS-MILANO 5-3 (pt 2-2)

Primo tempo
7’30” Banchero (M), 8’27” Bernad (M), 8’43” Campulla F. (A), 13’58” Rossetto M. (A).
Secondo tempo
0’22” Dal Sasso (A), 12’37” Tessari (A), 18’27” Dal Sasso (A), 19’24” Erman (M).

La classifica

Master Round
  1. Asiago Vipers punti 28
  2. Milano punti 26
  3. Fox Legnaro punti 18
  4. Verona punti 10.
Qualification Round
  1. Edera Trieste 17
  2. Cittadella punti 14
  3. Old Style Torre Pellice punti 5
  4. Tergeste Tigers punti 4
.
Credit foto: Vanessa Zenobini
.

© RIPRODUZIONE RISERVATA