Dwars door Vlaanderen: una generosa Elisa Longo Borghini chiude 6^. Ora Fiandre e Liegi

A pochi giorni dal Giro delle Fiandre una delle corse monumento che vale l’entrata nell’Olimpo dei ciclismo, Elisa Longo Borghini ha confermato il buon momento di forma e dimostrato ancora una volta tutto il talento e la determinazione che fanno di lei una delle più grandi interpreti del ciclismo contemporaneo.

Ieri alla Dwars door Vlaanderen classica belga che, ha visto al via un vero e proprio parterre de Rois delle due ruote al femminile, la fuoriclasse della Lild Trek è stata tra le grandi protagoniste giocando un ruolo chiave.

Nonostante non sia riuscita a salire sul podio, finendo la gara in sesta posizione a una ventina di secondi dall’immensa Marianne Vos, la prestazione della campionessa italiana è stata degna di nota, soprattutto per quanto fatto nelle fasi salienti della corsa belga.

La prima parte della competizione è stata caratterizzata da diversi allunghi e tentativi di fuga che non hanno tuttavia portato a sviluppi significativi, questo fino ad una 70 di km dal traguardo, quando sul muro di Kanarieberg è scappato un drappello di 11 atlete tra cui la stessa Longo Borghini, che hanno aumentato significativamente il ritmo, lasciando il gruppo ad una ventina di secondi.

Poco dopo però, a causa di un incidente, gli organizzatori sono stati costretti a neutralizzare momentaneamente la gara, determinando una pausa di trenta minuti e una successiva riduzione del percorso, con l’eliminazione dei passaggi sui muri di Knokteberg e Hotond.

La corsa ripartita con ancora quarantasei km da percorrere si è accesa sul tratto in pavé di Doorn quando la Lidl Trek con un vero e proprio attacco di squadra, ha selezionato un gruppetto di cicliste (tra cui la stessa Longo Borghini) che ha preso il largo guadagnando una trentina di secondi. A – 12 dal traguardo, l’azione decisiva con l’attacco della compagna di squadra di Elisa l’olandese Shirin Van Anrooij a cui risponde subito la connazionale Marianne Vos. Le due riescono a guadagnare una ventina di secondi sul gruppo delle immediate inseguitrici. Nello sprint finale Vos ha la meglio tagliando per prima il traguardo di Oudenaarde. Per lei vittoria n.250 in carriera, è record.

A vincere la volata per il terzo posto è una ritrovata Letizia Paternoster davanti a Lotte Kopecky; sesta Elisa Longo Borghini, ancora una volta tre le protagoniste.

Elisa Longo Borghini salta la Roubaix, obbiettivo Fiandre e Liegi

Elisa Longo Borghini non parteciperà alla Parigi Roubaix, la Campionessa italiana che proprio nell’inferno del nord aveva trionfato nel 2022 in solitaria, ha deciso di rimodulare il proprio calendario per puntare al giro della Fiandre e sopratutto alla Liegi corsa a cui aveva preannunciato la sua presenza durante la dodicesima puntata del nostro video podcast 7 Sport.


La puntata di 7 Sport con ospite Elisa Longo Borghini

© RIPRODUZIONE RISERVATA