L’Asiago Hockey vince a Cortina e si qualifica per la Finale Scudetto

A Collalbo il Renon pareggia la serie contro il Brunico

Asiago Hockey Semifinale2

Ieri sera, dopo un incontro molto più combattuto rispetto alla prima partita di semifinale, è arrivata la seconda vittoria per l’Asiago Hockey che gli consente l’accesso alla fase finale di questi playoff. Sul ghiaccio di Cortina, gli stellati hanno dimostrato ancora una volta grande determinazione e voglia di difendere il titolo di Campioni d’Italia, conquistato la scorsa stagione.

Il primo tempo di questa seconda semifinale inizia con un ritmo diverso da quello visto ad Asiago martedì. Il Cortina sembra voler riscattare la prestazione deludente vista all’Odegar e arrivano subito alcune buone occasioni nei primi minuti per entrambe le squadre. A metà frazione Alex Frei sbaglia un disimpegno, che gli ampezzani sfruttano per siglare la rete del vantaggio. L’Asiago cerca di rialzare la testa, ma è il Cortina ad arrivare nuovamente vicino al gol in un paio di occasioni. A sette minuti dalla fine, durante un cambio delle linee, Michele Marchetti regala un powerplay agli avversari facendo ad un avversario un plateale sgambetto davanti alla propria panca. Gli stellati giocano un po’ più aperti in inferiorità numerica, concedendo così qualche disco buono al Cortina, ma è buona la pressione in avanti e, su un passaggio “da suicidio” tra i difensori ampezzani, arriva la deviazione vincente di Marek Vankus che devia il disco nella porta avversaria.
I padroni di casa non demordono e al 18° minuto Lorenzo Casetti tiene il suo uomo dietro porta, ma il disco esce e un attaccante del Cortina sigla il 2 a 1 infilando dal lato Gianluca Vallini, non molto preciso nella chiusura. Altro spunto dei bellunesi sul finale, ma è Steven McParland a mancare il gol del possibile pareggio a soli 3 secondi dalla fine.

Subito una buona occasione per il Cortina all’inizio del secondo periodo, ma i Leoni stringono i denti ed arrivano nuovamente vicini alla rete con tre conclusioni ravvicinate. Al quinto minuto, da un errore sulla blu di Stefano Marchetti parte un contropiede degli ampezzani su cui Alexander Gellert è bravo a recuperare, chiudendo agli avversari lo spazio per il tiro. Il Cortina cerca di allungare con un paio di buone conclusioni che però non impensieriscono Gianluca Vallini. Occasione in powerplay per l’Asiago, che con l’uomo in più sul ghiaccio rischia di fare un pasticcio, concedendo ad un avversario un’azione in solitaria, sventata con abilità dall’estremo asiaghese.
Gli stellati ingranano la marcia e, a 8 minuti dalla fine del tempo, Daniel Mantenuto scambia con Steven McParland che controlla di pattino e infila il portiere ampezzano per il momentaneo pareggio. Non passa un minuto che subito i padroni di casa tornano a mettere Gianluca Vallini sotto pressione, ma è bravo a chiudere tutti gli spiragli, tenendo il risultato sul 2 a 2.

Le squadre tornano sul ghiaccio cariche e motivate per questa terza frazione di gioco che comincia con l’illusione del gol al secondo minuto per Davide Dal Sasso, neutralizzato da un miracolo del portiere ampezzano. Ottima la pressione della quarta linea che riesce ad arrivare con due conclusioni ravvicinate di Alessandro Tessari e Simone Olivero. Momento di defaillance arbitrale al settimo minuto: “high-stiking show”, un giocatore per squadra colpito al volto e nulla da segnalare. Giova all’Asiago che non si deconcentra e Steven McParland realizza il gol del vantaggio, grazie ad un preciso lancio di Francesco Forte dalla zona di difesa.
A metà del tempo, altro powerplay regalato al Cortina sempre per un evidente sgambetto, stavolta di Alex Frei. L’Asiago esce indenne anche da questa inferiorità e torna a gestire il risultato, rischiando l’allungo con un’occasione mancata da Marco Rosa davanti alla porta avversaria. Altra occasione poco dopo per Michele Marchetti, che entra veloce sulla destra e conclude poco a lato del palo. Ma al 16° arriva il gol che fissa il risultato sul finale 4 a 2, con Marco Magnabosco che apre per McParland, in serata alquanto positiva, che realizza il suo personale “hat-trick”.
Mancano due minuti al suono della sirena e viene assegnata una penalità a Marco Magnabosco, molto dubbia visto il metro usato dagli arbitri durante l’incontro, che permette agli ampezzani di giocare con due uomini di movimento in più sul ghiaccio, sostituendo il portiere. L’Asiago rischia il gol a porta vuota in un paio di occasioni e il Cortina non riesce a recuperare lo svantaggio.

Termina con l’abbraccio tra i giocatori dell’Asiago questo incontro che vale l’accesso alla finale del Campionato Italiano di Hockey su ghiaccio. Un abbraccio aperto a tutti i tifosi che hanno sempre incitato la squadra, anche se costretti a casa, desiderosi di tornare a riscaldare l’Odegar con i propri cori e la simpatia che li contraddistigue.

Gli highlights dell’incontro

L’altra semifinale tra Brunico e Renon

Nell’altra semifinale il Renon supera 3:0 il Val Pusteria pareggiando così la serie. Domani, alle ore 20 a Brunico ci sarà l’ultima sfida tra Val Pusteria e Renon per decidere chi andrà a giocarsi la finale Scudetto contro l’Asiago Hockey.

Asiago Hockey Magnabosco

Credit: foto Serena Fantini

© RIPRODUZIONE RISERVATA