Sci, piste innevate e aperte per l’Immacolata

Pista Le Melette

La neve che ha imbiancato l’altopiano con la perturbazione dello scorso weekend ha aperto le porte alla stagione invernale. Il terreno è ancora caldo per le temperature decisamente sopra la media registrate ad ottobre e novembre, ma la buona base di manto nevoso che si è creata soprattutto oltre i 1500 metri di altitudine ha consentito di iniziare a sparare con i cannoni la neve artificiale, in ottica di una prossima apertura degli impianti.

“Apertura confermata, salvo restrizioni dovute all’andamento della pandemia, per i comprensori sciistici delle Melette, Kaberlaba, Verena e Larici e delle piste da fondo presso i campi da golf – spiega Nicola Lobbia, assessore al turismo di AsiagoDopo le ultime precipitazioni abbiamo registrato, sopra i 1500 metri di quota, accumuli di neve di oltre 25 centimetri e stiamo già provvedendo ad utilizzare i nostri cannoni per l’innevamento artificiale.” “L’auspicio – prosegue – è garantire le aperture anche nel caso la nostra Regione dovesse rientrare in zona gialla o arancione, sempre all’insegna della sicurezza di tutti.” Come noto, sono infatti obbligatori secondo le ultime normative l’uso della mascherina e l’esibizione del green pass per accedere agli impianti e quando si è in coda.

Melette pronte sì per l’apertura, ma solo qualora sussistano le condizioni ottimali, come spiega il gestore Mario Timpano: “Stiamo lavorando per far sì che le piste possano essere aperte e abbiamo sfruttato le ultime due notti fredde per sparare con i cannoni, ma saremo pronti compatibilmente con le condizioni che si presenteranno. Venerdì prenderemo la decisione definitiva”.
Tutto pronto dunque per l’avvio della stagione nel vecchio areale del comprensorio delle Melette, ma niente da fare per l’appendice nuova comprendente la seggiovia qaudriposto e la pista Kruslava, per la quale servono ancora almeno due mesi di lavoro.

Anche il comprensorio del Kaberlaba aprirà, ma non la neo realizzata seggiovia, per la quale il sindaco Roberto Rigoni Stern spiega che non c’era certezza di ottenere tutti i permessi necessari.

Verena al lavoro già da giorni, in prospettiva dell’apertura della pista baby e del tapis roulant già da sabato 4 dicembre. Sono invece in fase di decisione l’apertura della pista Civello, per la quale si attende la risposta dei battipista, e della panoramica, però solo dell’ultimo pezzo, quindi non con partenza dall’alto.

Sempre in zona Verena, per quanto riguarda lo sci di fondo apre già venerdì 3 dicembre il comprensorio di Campolongo con il noleggio sci e ciaspole, i campi scuola, la pista agonistica, la pista Mandrielle e il tapis roulant.