La Casa di riposo di Asiago festeggia i 101 anni della Signora Bianca

Alla Casa di riposo di Asiago ieri la signora Filomena Campaci, detta Bianca, ha spento ben centouno candeline. A festeggiarla una torta e la compagnia di tutti i familiari, che hanno offerto il gelato a tutti i residenti.

La signora Bianca è nata ad Agna, nella bassa padovana, nel 1922, come penultima di cinque fratelli e l’unica femmina; il padre Giuseppe Campaci faceva il minatore in Germania e la madre Adele Forin era casalinga.

La vocazione è arrivata in tenera età e a 18 anni entrava in convento come novizia dalle suore Dorotee a Venezia, dove però non ha potuto prendere i voti a causa di una grave malattia alla vista che ha reso necessarie delle cure costanti. Così Bianca si è incamminata sulla via dell’Altopiano di Asiago, dove fino alla mirabile età di 85 anni ha vissuto con le suore canossiane come suora laica. Vista la salute fatta via via più fragile, la signora si è poi trasferita accanto alla nipote Giuseppina, che assieme al fratello Roberto si è presa cura di lei fino all’età di 96 anni.

Proprio in questo momento, a seguito di un ricovero in ospedale, Bianca ha deciso di vivere alla Casa di Riposo di Asiago, che l’ha accolta a braccia aperte fino a questo speciale compleanno, circondata dall’affetto dei familiari venuti anche da lontano.

È sempre un piacere organizzare per gli ospiti questi importanti momenti di festa e leggerezza – commentano il presidente e la direttrice della Casa di Riposo di Asiago, Paolo Finco e Tania Santi -, perché sono il coronamento di una lunga vita fatta di affetti e di sacrifici. Rinnoviamo i nostri migliori auguri alla signora Bianca e ci auguriamo per lei tanti altri momenti felici. Grazie di cuore anche ai familiari che hanno avuto un pensiero gentile per tutti i nostri residenti”.

c.s