“Il sergente dell’Altopiano. La storia di Mario Rigoni Stern” in anteprima TV su RSI La2

Domenica 29 ottobre 2023 alle 23:05 su RSI La2 (Radiotelevisione svizzera) andrà in onda l’anteprima televisiva del documentario «Il sergente dell’Altopiano. La storia di Mario Rigoni Stern», all’interno del programma «Sguardi».

Federico Massa e Tommaso Brugin sono i registi del film sullo scrittore di Asiago realizzato per il centenario dalla sua nascita.

Tra le testimonianze anche quelle dello scrittore Alberto Nessi e dello storico Bruno Donati, che incontrarono Rigoni Stern nelle sue visite ticinesi.

Il documentario ha partecipato a una ventina di festival in Italia e ha ottenuto premi a Rieti e Sabina, Orobie, Verona e Monza. Attualmente è in programmazione al Bergfilm Festival di Tegernsee in Germania.

«Il sergente dell’Altopiano. La storia di Mario Rigoni Stern» è un viaggio tra presente e passato, ricco di testimonianze e riflessioni per raccontare lo scrittore Mario Rigoni Stern (1921-2008). Nel corso di un’immaginaria giornata, dall’alba alla notte stellata, la sua voce tratta da un ampio archivio, rievoca gli anni di guerra e di prigionia. Il Sergente degli alpini, ritornato a casa, è divenuto col tempo il Custode dell’altopiano di Asiago, e la sua terra natale assume il valore di un mondo da preservare contro le guerre e l’indifferenza.

Il film è girato anche in Val Bavona, ripercorrendo i luoghi visitati nel 1996 insieme alla sua guida di allora, il geografo e cultore di etnografia Bruno Donati, e in Valle di Muggio, dove il poeta ticinese Alberto Nessi testimonia il legame di stima creatosi con Mario Rigoni Stern, documentato dalle lettere originali depositate all’Archivio svizzero di letteratura a Berna.

Il documentario è una coproduzione Italia, Svizzera, Austria, prodotto dalla Imagofilm Lugano di Villi Hermann e dalla RSI Radiotelevisione svizzera, Silvana Bezzola Rigolini e con il sostegno della Ticino Film Commission e DECS. Le musiche sono di Zeno Gabaglio e le riprese in Ticino di Alberto Meroni.

C.s