Muffin ripieni all’hashish, due minorenni finiscono all’ospedale. Indagini in corso

IIS Mario Rigoni Stern Asiago - alberghiero

Due ragazzi minorenni dell’altopiano, studenti dell’istituto alberghiero Rigoni Stern di Asiago, sono finiti all’ospedale dopo aver ingerito dei dolci che al loro interno erano ripieni di hashish. Il fatto è accaduto lo scorso 19 gennaio, ma è stato reso noto solo ieri, con l’esito dell’esame tossicologico.

A preparare i dessert “stupefacenti”, un terzo studente della scuola, che li ha poi offerti ai compagni durante la ricreazione. Dopo poco i ragazzini hanno iniziato a sentirsi male, accusando capogiri, tachicardia e allucinazioni, e si sono rivolti all’insegnante, che ha subito chiamato l’ambulanza. Condotti presso l’ospedale di Asiago, i medici che li hanno presi in cura per una sospetta intossicazione alimentare si sono subito resi conto che si potesse trattare di qualcos’altro, così hanno sottoposto i minorenni all’esame tossicologico, riscontrando la presenza di droga nell’organismo. Sembra che uno dei due non fosse nemmeno a conoscenza dell’integrazione speciale della ricetta, tanto che è stato colto da un violento attacco di panico. Ristabilite le normali condizioni di salute dei due giovani, sono stati dimessi e affidati alle cure dei genitori.

I Carabinieri di Asiago hanno aperto un’indagine su quanto accaduto per stabilire se lo studente si sia messo ai fornelli a casa, come dichiarato, o se abbia utilizzato gli spazi messi a disposizione dalla scuola. Inoltre i militari, unitamente alla direzione scolastica e al corpo docente, cercheranno di scoprire se altri studenti abbiano consumato i muffin incriminati e se l’hashish utilizzato sia transitato a scuola in occasione dell’acquisto o dello scambio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA