Bisele, al lavoro per recuperare lo storico grano tenero “Canove”

A Canove, in cima alla Cattedra, la società agricola Bisele è al lavoro per recuperare e valorizzare un’antica varietà di grano tenero tipica del territorio altopianese: si tratta della varietà “Canove”. Gli studi, condotti in collaborazione con l’Istituto agrario Parolini di Bassano del Grappa nell’ambito del progetto Bionet di Veneto Agricoltura, hanno come scopo principale la conservazione delle risorse genetiche locali di interesse agrario e alimentare, tra cui antiche varietà di cereali a rischio di estinzione o di erosione genetica e il loro inserimento nei registri dedicati.

Secondo i ricercatori la varietà di grano tenero “Canove” sarebbe il frumento veneto di montagna che veniva coltivato sull’Altopiano all’inizio del secolo scorso. Oggi questo grano viene nuovamente seminato nei campi dell’azienda Bisele, consentendo di recuperare la biodiversità in ambito cerealicolo e di creare produzioni di alta qualità, sempre ispirandosi al principio del biologico.

L’anno scorso l’Istituto di Genetica e Sperimentazione Agraria Strampelli, che in passato aveva gestito la Cattedra e aveva conservato nella propria banca dati il germoplasma del grano Canove, aveva consegnato alla società agricola Bisele 4 chili di semi per la moltiplicazione, ma gli ungulati se ne erano cibati mandando a monte la raccolta. Quest’anno invece sono 20 i chili di sementi che l’azienda ha potuto mettere a dimora e che hanno prodotto 4 quintali di grano, con i quali l’anno prossimo potrà essere sviluppata una coltivazione di due ettari.

In futuro, dopo aver completato l’iter burocratico per la registrazione al Ministero dell’agricoltura, sarà possibile commercializzare il grano Canove col suo marchio.

È prevista inoltre nella Sala degli Orti ritrovati, ricavata dalla ristrutturazione della vecchia aula didattica della Cattedra, la realizzazione di un centro di catalogazione multimediale di sementi antiche. Verranno installate anche delle bacheche che riporteranno la documentazione reperita nel corso delle ricerche storiche condotte preso la Biblioteca La Vigna.


Progetto “Biodiversità Veneta”, un’occasione per le nostre ‘risorse genetiche’ agrarie